GALLIPOLI - Barone sul futuro del club: "Aperto a qualsiasi soluzione. Imprenditori russi? Non so nulla, ma se fosse vero..."

di Redazione SALENTOSPORT
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno
articolo letto 1056 volte
Marcello Barone
Marcello Barone

Sembra non esserci ancora un quadro chiaro su quale sarà il futuro della Gallipoli calcistica; la situazione è rimasta invariata rispetto a qualche mese addietro, ma un piccolo spiraglio potrebbe aprirsi nei prossimi giorni, quando dovrebbe essere in programma un incontro tra il presidente giallorosso, Marcello Barone e il Sindaco. Intanto il numero uno del sodalizio giallorosso, traccia un prospetto di quali siano le difficoltà nella gestione e sui possibili scenari.

“Bisogna partire dal presupposto -spiega Barone - che lo stadio comunale non è di mia proprietà e che quindi non posso supportare i relativi costi di gestione anche quando la struttura è utilizzata da altre società per manifestazioni varie. Se fosse possibile liberare la società da questi oneri, già sarebbe un aiuto importante”.

“In questi due anni di gestione del Gallipoli - prosegue il presidente - mi sono reso conto, semmai ce ne fosse bisogno, che i costi di gestione sono veramente alti e che da solo non posso certamente andare avanti. Per questo sono aperto a qualsiasi tipo di soluzione che possa garantire la prosecuzione del calcio cittadino. Posso passare la mano della società ad altri imprenditori e farmi da parte totalmente, come invece sono disponibile all’ingresso di altre persone lasciando ad uno di questi il compito di diventare presidente della società. Insomma, quello che voglio è semplicemente garantire un progetto a lunga scadenza senza dover vivere nella precarietà anno per anno. Sono convinto che a Gallipoli si può fare tanto e bene. L’importante è che ognuno, ad incominciare dalle istituzioni pubbliche, faccia il suo dovere per il bene del calcio e della città”.

Intanto nella Città Bella stanno arrivando dei capitali dalla Russia, con alcuni imprenditori che sembrano in procinto di acquisire alcune strutture alberghiere e qualche spiffero rivela di un interesse anche in ambito calcistico. “Non so nulla di questi investitori russi - chiosa Barone - perché con me non ha parlato nessuno. Se ciò fosse vero, però, sarebbe una buona notizia per il calcio e per la città in genere”.


Altre notizie

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.